0

Guardie e ladri

imagestoto

Dal nostro amico  Luigi Boschin:

ITALIA
2014/06/11 14:49
Inchiesta della procura di Napoli
Finanza, indagato il generale Bardi. Arrestato per concussione il comandante della sede di Livorno
In manette il comandante provinciale Mendella con l’accusa di concorso in concussione. A Roma perquisiti gli uffici del generale Vito Bardi nel comando generale delle Fiamme Gialle

 

Guardie_e_Ladri

 

Vito Bardi
11 giugno 2014
Bufera sulla Finanza: sarebbe indagato per corruzione il generale Vito Bardi, comandante in seconda della Guardia di Finanza. Si tratta dell’ultimo sviluppo dell’inchiesta che ha portato anche all’arresto del colonnello Fabio Massimo Mendella, comandante della sede di Livorno accusato di aver percepito un milione di euro per “pilotare” verifiche fiscali favorendo alcune società di imprenditori quando era in servizio a Napoli.

Bardi è sospettato di aver ricevuto parte di quella somma oltre ad alcuni regali e favori. Nell’ambito dell’inchiesta che ha portato all’arresto del colonnello Mendella, i pm di Napoli Piscitelli e Woodcock hanno disposto una perquisizione nel comando generale della Gdf a Roma.

Reati ipotizzati
I pm Vincenzo Piscitelli ed Henry John Woodcock ipotizzano per entrambi il reato di concorso in concussione per induzione e di rivelazione del segreto d’ufficio. Per l’accusa, l’importo delle dazioni di denaro e di varie utilità incassate dagli indagati ammonta ad un milione di euro.

Operazione “Last Door”
Secondo la Procura di Napoli, Mendella tra il 2006 e il 2012, quando era responsabile del settore verifiche al Comando provinciale della GdF di Napoli, tramite De Riu avrebbe incassato insieme ad altre persone, in corso di identificazione, oltre un milione di euro da vari imprenditori napoletani come “compenso” per evitare verifiche ed accertamenti fiscali. L’operazione è stata chiamata “Last Door”.

Dopo il 2012 Mendella fu trasferito al Comando provinciale di Roma e, secondo l’ipotesi investigativa, in occasione di questo trasferimento sarebbe stata trasferita anche la sede della società holding, la Gotha spa, oggetto di una verifica “pilotata”, poi effettivamente svolta dal gruppo di sezioni coordinate dal colonnello Mendella.

Le indagini, che sono state svolte sotto il coordinamento della II Sezione dei reati contro la Pubblica amministrazione e condotte dalla Digos della Questura di Napoli con l’ausilio della Direzione centrale di Polizia criminale, del Comando provinciale e del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma, sotto tuttora in pieno svolgimento e mirano ad accertare eventuali altri elementi utili per la ricostruzione dei fatti.
– See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Arrestato-il-comandante-della-Gdf-di-Livorno-con-accusa-di-concussione-9a87954c-478c-41a5-8ea7-923be5675200.html#sthash.oghg6bSY.dpuf

Lascia un commento